VFC PDW

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

VFC PDW

Messaggio  Ospite il Mer Feb 11 2009, 23:42

Driiiiiiiiin…. Driiiiiiin….. “pronto? Ziofester?”… “sono Bagnomagno”…”ho smontato il mio KAC”…“ho un problemino”…”come lo rimonto?” Suspect

Con questa premessa, mi si è presentato sul tavolo operatorio il nuovo KAC PDW della VFC,
avvolto in due salviette da toeletta…. Avevo già capito perché ti chiamavano MAGNO (tutti quei toasts nel tascapane)….adesso ho capito perché hanno aggiunto il suffisso BAGNO. Laughing



Non c’è che dire…. Un gran bel gioiellino, anche se… quei due fori per l’attacco cinghia sono,
uff…. un’obbrobrio. affraid

Insomma… ma chi è quella mente malata di progettista, che crea con il suo ingegno un
oggetto così bello per poi rischiare di rovinarlo con una finitura ridicola di un solo particolare? Bah! affraid

L’ASG è veramente bella ed ovviamente unica nel suo genere, in quanto replica il modello
PDW prodotto della Knight’s Armament su base meccanica brevettata da Colt.

Non si tratta del classico Colt da customizzare…. Ma di un Colt già “customizzato” al 100%...
Gusci, Ris, canna, grip, sono tutti accoppiati unicamente fra loro, quindi o piace così….oppure meglio rivolgersi ad altri prodotti.

Lo smontaggio dei gusci si effettua come nei vecchi Systema, non come nei nuovi G&P o CA o
KA… insomma occorre smontare tutto fino all’ultima vite.. e c'è da sudare

L’estetica è accattivante e con la canna corta ed il calcio richiuso, il KAC PDW diventa minuscolo…
Che il KAC sia parente di un Kurz?

E qui casca ulteriormente l’asino… il portabatteria replica del mastodontico AN/PEQ2
incluso nel kit, pare una nota stonata all’interno una splendida canzone… cappero….
oramai è più grande l’AN/PEQ della ASG!!!! confused

A mio parere, se proprio non si vuole fare a meno della batteria esterna, trovo migliore
installare un AN/PEQ più piccolo, che non rovini la bellezza dell’insieme con proporzioni
da pugno nell’occhio…. Per esempio ci vedrei bene un AN/PEQ 15 di Vanaras.
Ovvio che chi adotta batterie Large non ha scelta ed è necessario il portabatterie offerto
di scatola.

Bello il calcio ed il sistema di chiusura dello stesso a mezzo di uniball!
Belli i loghi!
Bella la molla di ritegno del pernino del gearbox!
Bello il doppio selettore sagomato per l’indice!
Bello il doppio sgancio caricatore!
Bellissimo il mini ris!
Bellissima la canna a gruviera!
Bello lo spegnifiamma!
Bellissimi i dettagli del recupero gas!
Che orrore quei due fori!

Nel VFC il meccanismo del bolt catch è installato sul gear box, a differenza ad esempio dei King Arms dove viene installato sul semiguscio inferiore del body.
Da notare che l’asta di armamento una volta azionata va successivamente accompagnata in sede,
in quanto le tolleranze dell’insieme non ne consentono uno scorrimento fluido.


La finitura di vernice grigio topo che a me piace parecchio, purtroppo si graffia facilmente.

Il gear box è pesante e dall’aspetto robusto, la meccanica lascia come al solito qualche dubbio.

All’interno troviamo:

-pistone, guidamolla in plastica trasparente dall’aspetto vetroso e per niente elastica
-testa pistone in alluminio con spessore non cuscinettato ma in plastica
-testa cilindro in plastica
-spingipallino senza OR antivuoto
-cilindro in metallo
-molla progressiva
-guidamolla in metallo con cuscinetto dotato di una soluzione molto alla buona
per facilitare la chiusura del gear box: una vite nella parte posteriore
-ingranaggi autocentranti
-boccole da 7mm in plastica

Il motore è ad albero medio con il supporto dell’albero in plastica

Nel rimontarlo, in comune accordo con Bagnomagno, si è deciso di apportare qualche piccola
modifica.

Canna esterna corta, canna interna KM 6,04 da 229mm., t-hop-up in metallo di Systema,
gommino Hop-up silicone di Guarder.

Da notare che l’ASG in questione esce a 106m/s (pallini Marui 0,2gr.)…. Ed aggiungendo
la KM si arriva a 112m/s

Si è reso quindi necessario procedere al depotenziamento a norma di Legge della ASG
sostituendo la molla originale con una Guarder SP90.

Nel contempo si è sostituito pure lo spingipallino originale con un Guarder antivuoto…

“Chi aveva rotto l’originale?.... Bagnoooo… ci seiiii?" Smile










Come ho già avuto occasione di notare in altri VFC, la lubrificazione è ridotta all’osso.
Il gruppo aria non è lubrificato… questo provoca di norma una precoce usura dell’OR
con conseguente perdita di pressione e m/s che improvvisamente dal giorno alla notte
calano drasticamente.

Il motore VFC frulla che è un piacere, quindi attenzione a non esagerare con i voltaggi
delle Lipo.


LA PAGELLINA DELLO ZIO

PRO

-unico nel suo genere
-estetica
-motore che ulula
-praticità
-effetto bolt catch
-le due canne di serie
-leggero


CONTRO


-i fori dell’attacco cinghia che mostrano il gearbox e lo espongono alle intemperie
N.B. oltretutto…. In questi due fori… l’anello per la cinghia di VFC non è compatibile.
-manca l’anello rapido per la cinghia di trasporto (ma ci sono i ffoooooriiii!)
-controllo qualità da migliorare
-componenti meccaniche del gearbox in economia


In conclusione l’ASG è bellissima e merita sicuramente un posto all’interno della propria collezione…
Ma… QUEI DUE FORI!!!!! lol!











VOTO: 8.75, insomma un 9 con qualche meno/meno.

L’idea è bella, l’estetica fra le migliori come da tipico stile VFC, ma, a mio modesto parere, sono presenti ancora lacune a livello di componentistica del gear box e di tenuta della vernice.


Ultima modifica di ziofester il Gio Feb 12 2009, 14:42, modificato 2 volte

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: VFC PDW

Messaggio  BagnoMagno il Mer Feb 11 2009, 23:50

bella ziooo!!!grande...

BagnoMagno

Maschile
Numero di messaggi : 572
Età : 66
Localizzazione : CESENA
Data d'iscrizione : 23.04.08

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum